Piante da bulbo

Piante da bulbo

Tulipani, narcisi, giacinti…sono solo alcune tra le piante da bulbo più diffuse. Si tratta principalmente di piante da fiore a scopo ornamentale, che rispetto alle loro colleghe si comportano a modo loro e come tale vanno curate in maniera diversa.

Una schiera di piante da bulbo, esclusa la fragola
Una schiera di piante da bulbo (fragola esclusa)
Ma prima di tutto, che cosa è una pianta da bulbo?

È una pianta che ha a disposizione un “serbatoio” in cui immagazzina tutta l’energia e le sostanze nutritive di cui ha bisogno per prosperare.

È fondamentalmente un modo furbo che la Natura ha escogitato per permettere ad alcune piante di superare le gelate invernali o i periodi di siccità.

Ciclo vitale delle piante da bulbo

Le piante da bulbo sono pluriennali, cioè ricrescono e fioriscono (se siamo bravi) ogni anno. A seconda della varietà, queste fioriranno in periodi diversi e quindi andranno piantate in momenti diversi. La maggior parte sono a fioritura primaverile e si piantano in autunno.

Una volta messo a dimora il bulbo, che sia in vaso o in piena terra, dobbiamo solo preoccuparci di dargli l’acqua ogni tanto, e per il resto possiamo praticamente dimenticarcelo. Al momento giusto, inizieranno a spuntare le prime foglie e, in seguito, assisteremo ad una spettacolare fioritura (se abbiamo fatto le cose per bene). Una volta conclusa la fioritura, le foglie rimarranno verdi per un periodo abbastanza lungo da permettere al bulbo di recuperare tutte le energie spese per fiorire.

Una fioriera piena di tulipani: le piante da bulbo più diffuse
Una fioriera piena di tulipani: le piante da bulbo più diffuse

Questo è il momento più critico che può compromettere la fioritura negli anni successivi: è importante non tagliare le foglie, e, anche se sono “brutte”, e lasciare che appassiscano da sole. Solo così il bulbo riuscirà a ricaricarsi abbastanza per fiorire l’anno successivo.

Una volta appassite le foglie, si procede ad estrarre il bulbo dalla terra, lasciata precedentemente asciugare. A questo punto è sufficiente mettere i bulbi all’asciutto in una busta di carta, in attesa di essere piantati l’anno prossimo. Giuro che è facile!

Come si pianta un bulbo?

La regola di base è molto semplice: si mette ad una profondità che è pari al doppio della sua altezza. In piena terra non è un problema, mentre in vaso dobbiamo fare attenzione a non metterlo troppo vicino al fondo, dove le radici potrebbero non avere abbastanza spazio per svilupparsi.

I bulbi possono essere piantati da soli o in gruppo, anche di varietà diverse. C’è una tecnica particolare che è detta “a strati” o “a lasagna” che prevede di mettere nello stesso contenitore specie diverse, a profondità diverse. Il fascino di questo metodo è che, se combiniamo bulbi che fioriscono in periodi diversi, avremo un vaso in cui differenti fiori si susseguono per un lungo periodo.

Riproduzione delle piante da bulbo

Un bulbo, anche se pluriennale, ha un’aspettativa di vita limitata. Per questo, oltre a potersi riprodurre via seme come tutte le piante “normali”, è in grado di far sviluppare bulbi a sua volta, che nascono attaccati a quello principale e si chiamano bulbilli. I loro primi anni di vita sono dedicati allo sviluppo, per cui produrranno solo foglie senza fiorire, ma una volta raggiunta la maturità inizieranno a comportarsi esattamente come gli altri. Così, quando il bulbo originario avrà esaurito le sue energie, i bulbilli saranno pronti a prendere il suo posto, esattamente nello stesso posto.

Un incredibile giacinto fiorito
Un incredibile giacinto fiorito

È possibile anche dividere i bulbilli dal bulbo madre, facendoli sviluppare come piante separate. Io ho preferito questo metodo, fino ad oggi, che mi ha portato ad ottenere 17 narcisi dai 3 da cui ero partita. Questa invasione, e la prospettiva dell’inevitabile moltiplicazione dei prossimi anni, mi ha fatto ricredere sulla mia preferenza, per cui credo che non li dividerò mai più.

Vi è piaciuto l’articolo? Qui il link a quello precedente che parla di piante magiche!

Vi piacciono i nostri contenuti? Sostenete la nostra campagna di fundraising: l’era de La Ganza

Giulia Pochini

Giulia Pochini

Creatura mitologica mezza scienziata e mezza artista, lascia la curiosità alla guida delle sue esplorazioni. Fa un sacco di cose, senza saperne realmente fare nessuna, ma nel frattempo si diverte un sacco.

Un pensiero su “Piante da bulbo

Commenta