Il momento perfetto

Il momento perfetto
Fonte: Fotolia

Esiste il momento perfetto? Quel momento in cui tutto il mondo sembra fermarsi e tu stai vivendo quell’epifania perfetta… OH SÌ CHE ESISTE.
In realtà ne esistono molti, un’infinita serie di momenti perfetti che come panni stesi al sole sono ben distanziati tra loro affinché siano ben riconoscibili e soprattutto INDIMENTICABILI.

Quello sguardo dietro la tazzina del caffè, quella mano che per caso ha sfiorato la tua, quella volta che sei inciampata nel bel mezzo del negozio e ti hanno vista tutti… Ma anche quella splendida giornata di sole dopo giorni di pioggia, o il vento sulla pelle nel primo giorno di mare… BEH. La vita è costellata di tanti piccoli momenti perfetti che spesso non ci accorgiamo di vivere ma che entrano a far parte di noi.

Fonte: Fotolia
E non ce ne accorgiamo no!

Se come me siete sempre proiettate nel futuro, se mentre fate una cosa (anche due o tre in realtà!) ne state pensando altre 12 e pianificando altre 8, il momento perfetto non lo potete, non lo possiamo cogliere! Quanto invidio chi riesce a vivere nel QUI E ORA, chi si gode ogni foglia che cade e ogni boccone che mangia… io al massimo sulla foglia ci scivolo e mangio in auto mentre guido e parlo al telefono!

Mi accorgo tante volte di quanta vita ho fatto scorrere senza godermela appieno, guardando le vecchie foto: lì, impresso, c’è un attimo di vita, un attimo che solo DOPO mi rendo conto di aver vissuto troppo in fretta, magari senza dargli la giusta importanza, convinta che il momento successivo sarebbe stato sicuramente migliore, unico.

E invece era quello l’unico momento da vivere davvero.

E allora mi fermo a pensare: il mio ultimo momento perfetto? Una patatina fritta mangiata guardando negli occhi uno sconosciuto che è entrato nella mia vita molti anni fa solo per un giorno (e del quale non ricordavo praticamente niente). Oh sì, quello è stato senza ombra di dubbio il momento perfetto più perfetto degli ultimi mesi…

Ma attenzione!

Perché i momenti perfetti sono così belli proprio perché sono MOMENTI… Poi, se anche voi siete delle inguaribili romantiche come me, dopo la patatina mangiata guardandolo negli occhi, sì, devo ammetterlo, il mio momento perfetto si è magicamente trasformato nella mia mente in un weekend perfetto, e poi come in un attimo non so spiegarmi come è diventata una vita perfetta… Ma no! È rimasto solo uno splendido momento, e anche se mi chieda come possa lui non aver capito che una vita con me sarebbe stata meglio di una sola ora, HO APPESO il mio momento al filo insieme a tutti gli altri che ho vissuto e mi sono accorta che troppo spesso impegnata a dispiacermi del fatto che sia finito, non mi accorgo di quanto sia stato bello viverlo e delle splendide sensazioni che mi ha dato…

E allora ho deciso di iniziare ad osservare di più il mondo che mi circonda. A correre di meno e a vivere di più. A dedicare più tempo a quello che mi fa star bene rispetto a quello che devo fare per forza. Senza immaginare quello che potrebbe essere, senza vedere in un viaggio una possibile vita futura, senza leggere un messaggio come l’inizio o la fine di qualcosa, senza progettare, pianificare castelli in aria per una semplice parola detta.

Ho deciso che voglio coltivare momenti.

Per stupirmi poi di quanti piccoli ma grandi momenti perfetti è fatta la mia vita.

Virginia

Fonte: Fotolia

Vi piacciono i nostri contenuti? Sostenete la nostra campagna di fundraising: l’era de La Ganza

Virginia

Virginia

Io sono Virginia, una ragazza di quasi 40 anni, single, con una lunga storia alle spalle, un lavoro precario, una casa non mia, 2 cani, e una vita diciamo piena, complicata, stramba e a volte assurda. Una vita che condivido con poche amicizie, poca vita sociale, tanti sogni e tante speranze. Sono una di quelle che vengono definite “fortunate” dalle mamme che hanno mille cose da fare, “sfigate” da quelle che hanno la vita perfetta, “disperate” da quelle che non hanno coraggio e “senza via di uscita” dalle mamme e dalle nonne! Ma se a quasi 40 anni non ho la vita perfetta, ho comunque la possibilità di continuare a sognare, di sentirmi un giorno una quindicenne e il giorno dopo una ottantenne (a volte succede anche più volte nello stesso giorno), di mangiare quando ho fame e dormire quando ho sonno, di svegliarmi un giorno con una lista di cose da fare e arrivare alla sera e non averne fatta una, o di darmi una serie di regole che posso scegliere o meno di seguire. Quindi, ecco chi sono io. Sono Virginia, ho quasi 40 anni e sono una imperfetta ragazza alla ricerca della mia stabilità!

Commenta