WHERE TO COME, WHERE TO GO

WHERE TO COME, WHERE TO GO
Ombra fugge nel bosco
Fonte: Flickr

Corpo derelitto
afflitto e costretto
nella morsa serpentina
di catene immaginarie.
Sentimento o barbarie.
Combatto
supina attenzione,
è atto necessario
restare
sul senso primario.

Lezione di sopravvivenza
al maestro di escapologia,
per cui fermarsi è automachia:

Esistenza è autoaffermazione,
per il cane bastonato
attaccare è bisogno sedato.
Fuga o estinzione, ripete
nomade nel mondo
nessuna casa al profondo,
e sete e fame
di attenzione ed amore.
Contro se stesso gladiatore
inane consapevolezza
di eterna sconfitta.

Scintilla nascosta
invitta e protetta
dall’assenza di prodezza.
Ignara alla violenza,
infantile convinzione
di far del mondo un sol boccone.

E violenza è frammentazione
di esperienze.
Torre di Babele interiore,
destino scritto autodistruzione.

A cosa serve un interprete se hai paura del conflitto?

Approfondimento: Tre prove e un po’ di fortuna

Poesia precedentePoesia successiva
Fabio Insogna

Fabio Insogna

Nato nella cittadina di Lowfield capoluogo della contea Moliseshire, immaginaria terra di origine degli hobbit sannitici, si trasferisce in tenera età a Pisadell sulle rive del fiume Arnien nella terra degli elfi toscani. Il precoce sradicamento lo porterà ad intraprendere un'epica avventura alla ricerca della sua identità smarrita, in questo affascinante viaggio scoprirà poi di non aver mai perso nulla ma di essersi arricchito in ogni tappa del suo peregrinare.

2 pensieri su “WHERE TO COME, WHERE TO GO

Commenta