TURBOLENZE PARTICUNIVERSALI

TURBOLENZE PARTICUNIVERSALI
Fonte: Peakpx

Faglia nel petto
si allarga ed espande
tormentata
da indomite correnti
erosa e scavata
frana nell’abisso
che inghiotte
fra le viscere
e non un suono
ma pulsione gravitazionale
infernale
di cosmica magnitudine
nasconde
illusione di entropica
emotività
raggiunge l’omeostasi
al catartico vorticare
di uragano mentale
dalla perturbazione spinale
alito s’insinua
pulsante
al ritmo miocardico
dolore e terrore
nella gola trova sfogo
la testa disarmata
smontata
espone cervella
in contrazione
allarme costante
vuota colonna
scarico vertebrale
dell’incompreso in tempesta
nomade delle mie membra
che mai si crea né si distrugge
e sempre trasforma
il mio vivere il presente

Approfondimento: Quando le tensioni si sciolgono i muscoli vibrano e l’anima si commuove.

Poesia precedente
Fabio Insogna

Fabio Insogna

Nato nella cittadina di Lowfield capoluogo della contea Moliseshire, immaginaria terra di origine degli hobbit sannitici, si trasferisce in tenera età a Pisadell sulle rive del fiume Arnien nella terra degli elfi toscani. Il precoce sradicamento lo porterà ad intraprendere un'epica avventura alla ricerca della sua identità smarrita, in questo affascinante viaggio scoprirà poi di non aver mai perso nulla ma di essersi arricchito in ogni tappa del suo peregrinare.

Commenta