L’unica notte

L’unica notte

C’era una volta un bimbo di nome Ugo, che aveva un nonno molto cattivo. Ugo gli disse che aveva dei problemi in casa, sapendo di trovare complicità nel nonno, e gli chiese di passare la notte da lui.
Il nonno acconsentì e gli aprì il divano-letto in sala.
Alle cinque e trenta tuttavia lo svegliò urlando che il sole stava per sorgere. Ugo rifece il letto e chiuse il divano, ma nonno Diavolo andò in escandescenze perché la linguetta di questo era rimasta fuori posto e tirò per aria ogni cosa.

Ugo allora ridimensionò quelli che erano i suoi problemi.

Fiaba precedenteFiaba successiva
Alice Bianchi

Alice Bianchi

Nata e cresciuta a Pisa, dopo il triennio in comunicazione, sta concludendo il corso pre-accademico di canto lirico al Mascagni di Livorno. Ora si sente ganza e La Ganza l'ha fondata, ma l'ha fatto più che altro per ruzzare in bella e buona compagnia.

2 pensieri su “L’unica notte

Commenta