Maturità

Maturità

Le fiabe di Ugo

C’era una volta un bimbo di nome Ugo che aveva un nonno molto cattivo.
Se c’era una cosa che Ugo detestava dell’essere bambini era l’impotenza.
Gli piaceva fantasticare su quando avrebbe compiuto diciott’anni… Di lì a poco si figurava come un uomo rispettabile, indipendente e forte. Avrebbe badato con fierezza ai suoi cari, sarebbe stato circondato dall’affetto di amici e avrebbe conosciuto l’amore romantico; ne era certo.
Non sapeva ancora che, raggiunta la maggior età, per lui non sarebbe cambiato granché e che avrebbe dovuto attendere molto più a lungo.

Vi piacciono i nostri contenuti? Sostenete la nostra campagna di fundraising: l’era de La Ganza

Alice Bianchi

Alice Bianchi

Nata e cresciuta a Pisa, dopo il triennio in comunicazione e il corso pre-accademico di canto lirico al Mascagni di Livorno, ha iniziato a studiare editoria digitale. Nonostante ritenga di avere una vita sconclusionata, si sente ganza e "La Ganza" l'ha fondata. Ma l'ha fatto più che altro per ruzzare in bella e buona compagnia.

Commenta